I forcaioli sentivano la mancanza di un Di Pietro: meno male che c’è Travaglio!


I forcaioli sentivano la mancanza di un Di Pietro: meno male che c’è Travaglio!

I suoi interventi ormai non lasciano dubbi: un classico giustizialista a comodo suo. A costui, infatti, ormai frustrato in tutte le sue speranze – i 5 Stelle diventati il partito delle poltrone, la sinistra diventata la peggiore destra, l’odio verso chi vorrebbe più libertà e diritti e non solo per i più poveri ma per tutti – non restano che le manette, le intercettazioni e i mandati di cattura.. Avevamo sospettato qualcosa quando il novello Di Pietro rifiutò sul suo giornale una pagina a pagamento a sostegno dei referendum sulla giustizia; ora ne siamo addirittura certi.
Per lui i magistrati, le cui corruzioni per assumere potere da anni occupano la cronaca, sono degli angioletti: dei santi.

Eppure: non sanno fare più le indagini senza intercettazioni, passano i fascicoli segreti ai giornalisti, fanno i processi solo se li portano sulle prime pagine e affossano tutte le migliaia di truffe agli anziani, i furti nelle case, lo spaccio di droga Si sentono nominare solo se c’è da incassare una prima pagina per un politico inquisito..
Anche la vicenda di Renzi – personaggio per carità magari odioso, forse presuntuoso – in cui finirono a indagare i donatori della sua fondazione ricorda tanto una scalata vergognosa verso la prima pagina.

Insomma, una casta – come insegna Rizzo – della peggior specie, ora esaltata dal Travaglio di turno, che tutte le sere sfrutta conduttori compiacenti come Gruber Floris e compagnia cantante per affliggere i teleutenti con i suoi rimpianti per una sinistra che ci ha tradito, e ha ucciso tutte le illusioni..

Basta Di Pietro, basta Travaglio. Io sto con Nordio: le sue proposte, separazione delle carriere in testa, raccontano di un nuovo corso di cui forse in Italia c’è bisogno. Vuoi vedere che dopo 50 anni sono diventato davvero di “destra”?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.