RAI, SANTORO SI CANDIDA A DG. IL NO DEL CODACONS: ASSOLUTAMENTE INADATTO AL RUOLO

IN CASO DI NOMINA, L’ASSOCIAZIONE AVVIERA’ UNA CAMPAGNA DI DISDETTA DEL CANONE RAI IN TUTTA ITALIA

Il Codacons e l’Associazione Utenti Radiotelevisivi bocciano senza appello al candidatura di Michele Santoro a Direttore Generale della Rai.
“Santoro nel campo delle inchieste è un ottimo giornalista, ma appare in modo più che evidente assolutamente inadatto a dirigere una azienda come la Rai – spiega il Presidente Carlo Rienzi – E ciò per un motivo molto semplice: la sua faziosità estrema. Chi guida una azienda pubblica che tra le altre cose deve assicurare il pluralismo delle idee e una informazione equilibrata, non può mai essere fazioso, ancor meno se ai livelli di Santoro. Le vicende del passato – prosegue Rienzi – hanno dimostrato i danni prodotti alla Rai e agli utenti da dirigenze di parte e smaccatamente politicizzate, che hanno distrutto la tv di Stato fornendo un servizio pubblico tra i peggiori al mondo”.
Una eventuale nomina di Santoro a Dg Rai equivarrebbe alla fine del pluralismo delle idee, e qualora una simile ipotesi dovesse divenire realtà, Codacons e Associazione Utenti Radiotelevisivi avvieranno su tutto il territorio una campagna di disdette del canone Rai da parte dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.