QUANTO VALE UN CALCIATORE

Certe cifre stellari fanno riflettere e un po’ vergognare.

Mi riferisco ai 270 milioni di euro che il Manchester City sarebbe disposto a versare per il giocatore del Milan KAKA’.

Va bene che gli sceicchi arabi possono permettersi di soddisfare capricci a sei zeri (e la squadra inglese appartiene allo sceicco Mansour), va bene che il mondo del calcio è ormai nel pallone e con tutti i suoi interessi intrecciati non ci si capisce più nulla, va bene anche che un giocatore posso costare molto perché molto vale, mi chiedo io quanto siano “equi” questi 270 milioni di euro per un calciatore.

Io penso che sia assolutamente immorale raggiungere certe cifre per un giocatore, in piena crisi economica e mentre milioni di famiglie in Italia faticano ad arrivare alla fine del mese e molti tifosi rinunciano allo stadio perché non possono più permettersi di acquistare abbonamenti o biglietti.

E non mi si venga adire che la mia è demagogia: se oggi si spendono 270 milioni di euro per acquistare un calciatore, domani si arriverà a cifre da PIL, e il calcio perderà sempre più la sua valenza sportiva diventando qualcosa di simile alla Borsa, dove transitano miliardi di euro e si compra e si vende solo per rendiconto.

4 Commenti

  • La sua non è demagogia caro Presidente, è solo la realtà!!!… il calcio funziona già come la borsa, tant’è che alcune società sportive sono già quotate in borsa e ogni giorno si confrontano a suon di rialzi e ribassi….

  • Ma la conduzione del “caso” Kakà è stata del tutto politica e per conoscere la fine nota non occorreva certamente conoscere le teorie sui media di Marshall McLuhan.

    Presidente, complimenti, finalmente qualcosa di nuovo nel mondo dei blog!

  • Sono pienamente daccordo con Lei. Milioni di famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese devono sentir parlare di giocatori che “costano” milioni di Euro.
    E’ una cosa davvero inconcepibile.
    La crisi? E’ solo per le famiglie con reddito da miseria.
    Personalmente non riesco a comprare casa e mi da molto fastidio sentire queste cose.
    Cordiali saluti e continui a rompere le scatole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.