Un’epidemia silenziosa

Cari amici,

ha soltanto 12 anni la ragazzina che ieri, a Pordenone, si è gettata dal balcone di casa per farla finita. Non ne poteva più delle angherie e dei continui episodi di bullismo da parte dei suoi compagni di scuola a cui ha lanciato un messaggio forte e chiaro: “Adesso sarete contenti”. Fortunatamente la caduta è stata attutita dalla tapparella aperta di una finestra del primo piano e la bambina, pur in condizioni gravi, non è in pericolo di vita. Ma – da quando ho appreso la notizia – la domanda che continuo a pormi è: si può arrivare a tanto?

Quello di Pordenone è solo l’ultimo di una lunga serie di casi, buoni per riempire le pagine della cronaca nazionale, per suscitare condanne a destra e a manca, ma non per accelerare i tempi dell’approvazione di quel disegno di legge sul cyberbullismo, fermo alla Camera da maggio 2015.

Ricordo, a chi non avesse ben chiara la situazione, alcuni episodi: a settembre, nella provincia di Vercelli, un ragazzo di 26 anni si è impiccato, dopo essere stato chiuso in un bidone, costretto a indossare un sacco dell’immondizia, denigrato e insultato a lavoro e in strada. E, cosa ancor più grave, le immagini di quei terribili momenti sono finite sui social network. Lo stesso è accaduto ad una 14enne della provincia di Novara: si è uccisa, buttandosi dal balcone di casa, perchè sul web circolava un video che la ritraeva ubriaca ad una festa. Quel video – diventato virale – aveva raccolto svariati commenti con offese, insulti e minacce anche da persone che non la conoscevano. Prima di morire, Carolina aveva lasciato poche righe: “Le parole fanno più male delle botte. Ma a voi non fanno male? Siete così insensibili?”.

Se questi esempi non dovessero bastare a restituire la tragicità del fenomeno, l’Istat, nel report “Il bullismo in Italia: comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi”, dipinge un quadro ancor più allarmante.

Secondo l’Istituto, infatti, almeno un ragazzino su due è stato vittima di bullismo o di cyberbullismo, in particolar modo le ragazze. Tra le 11-17enni si registra, infatti, una quota più elevata di vittime: il 7,1% delle ragazze che hanno accesso ad Internet o usano il telefono cellulare sono state oggetto di vessazioni continue, contro il 4,6% dei ragazzi.

A rischiare di più sono i ragazzi più giovani rispetto agli adolescenti, e il caso di Pordenone ce lo conferma. Circa il 7% degli 11-13enni dichiara di essere stato vittima una o più volte al mese di prepotenze tramite cellulare o Internet nell’ultimo anno, mentre la quota scende al 5,2% se la vittima ha un’età compresa tra i 14 e i 17 anni.

Per quanto riguarda le offese, l’Istat ci dice che le più comuni sono brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l’aspetto fisico e/o il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%).

Ma la violenza fatta dal bullo non è solo psicolgica, anzi. Aggressioni con spintoni, botte, calci e pugni sono denunciate dal 3,8% dei ragazzi. Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto, caratterizzato da una relazione vis a vis tra la vittima e bullo e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatto fisico.

Insomma, se non fosse ancora abbastanza chiaro, la situazione è davvero drammatica. Il fenomeno è in aumento e cresce in maniera direttamente proporzionale all’inefficienza del nostro governo. In Italia, infatti, non esiste un reato di cyberbullismo o di bullismo in generale. Esiste però, come vi ho già anticipato, un disegno di legge – approvato, tra l’altro, in Senato con voto unanime – che è però fermo alla Camera da quasi un anno. Quel disegno di legge non prevede sanzioni – punto su cui si potrebbe discutere – ma contribuisce a chiarire una materia ancora troppo nebulosa, rivalutando il valore e l’importanza dell’educazione e della sensibilizzazione nelle scuole.

Abbiamo ancora tanta strada da fare da questo punto di vista, ma perchè bloccare l’unico passo in avanti fatto fino ad ora?

Un saluto,

Carlo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *