La priorità del nuovo Governo? Il pane sulla tavola degli italiani!


Non c’è bisogno di chissà quale indagine per accertare come gli italiani stiano riducendo i consumi, rimandando gli acquisti non indispensabili e – in generale – tutelando il proprio portafogli. La situazione è sotto gli occhi di tutti, ed è anzi molto più grave di quanto sembri: la riduzione dei consumi è già oggi una realtà, destinata purtroppo ad aggravarsi nei prossimi mesi. Il caro-energia e l’inflazione alle stelle hanno ormai prodotto un calo degli acquisti da parte delle famiglie, che non solo comprano meno, ma modificano profondamente le proprie abitudini. E la scelta di scartare qualsiasi proposta avanzata nei mesi scorsi – in primis il taglio dell’IVA sui prodotti alimentari – non ha fatto altro che aggravare la situazione, aggiungendo problemi a problemi.

L’escalation dei prezzi degli alimentari riassume e spiega perfettamente la situazione. Gli aumenti hanno portato nell’ultimo periodo ad un crollo delle vendite del comparto, diminuite secondo l’Istat del 3,6% su base annua (a fronte di un un aumento in valore  del 6,1%): a dimostrazione di come gli italiani, per far quadrare i conti, siano costretti a tagliare anche la spesa per il cibo, a fronte di una spesa in crescita.

L’allarme arriva anche da Coldiretti: con l’aumento dell’inflazione più di un italiano su due (il 51%) ha tagliato la spesa nel carrello a causa dell’aumento record dei prezzi che ha ridotto il potere d’acquisto dei cittadini. Il 18% di cittadini dichiara di aver ridotto la qualità degli acquisti, costretto ad orientarsi verso prodotti low cost per arrivare a fine mese.

Risparmiare, ora, è diventata una necessità: per sostenere costi in continua ascesa le famiglie ricorrono sempre più spesso ai discount alimentari, basandosi sul prezzo come elemento per orientare le proprie scelte. E i dati confermano la tendenza: non a caso questa tipologia di esercizio ha registrato un incremento delle vendite del 12,3% su base annua, non a caso si è registrato un calo del 38% della quota di italiani che acquistano “prodotti bio”!

A questo punto è chiara la priorità dei prossimi mesi: garantire, arrivati a questo punto, che cibo adeguato, sufficiente e abbastanza vario raggiunga la tavola degli italiani. O la spending review dei nostri connazionali proseguirà, con effetti devastanti – anche – sulla filiera produttiva.

Garantire la sicurezza alimentare del nostro Paese: eccola, la massima priorità, la massima urgenza, del nuovo Governo. Siamo nel 2022, ma sembra di esser tornati indietro di una settantina d’anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.