INVITO ALLA CONFERENZA STAMPA: Mercoledì 15 febbraio ore 15:30 presso la sede Codacons di Viale Mazzini 73 – Roma

 COSTA CONCORDIA: IN DIRETTA DA MIAMI E DA SANPIETROBURGO I NAUFRAGHI RACCONTANO COSA VERAMENTE FECE SCHETTINO AL MOMENTO DELL’ABBANDONO DELLA NAVE

E IL CODACONS CHIEDE L’INCRIMINAZIONE DI TUTTI GLI UFFICIALI DELLA NAVE E DELL’A.D DI COSTA FOSCHI PER CONCORSO IN OMICIDIO COLPOSO, NAUFRAGIO, ABBANDONO DELLA NAVE E DISERZIONE

CODACONS INCONTRA IL COMMISSARIO GABRIELLI E CHIEDE SIA LO STATO NON LA COSTA A RIMUOVERE LA NAVE

A GIORNI LA PRIMA UDIENZA DELL’AZIONE DI GRUPPO A MIAMI. I LEGALI USA ILLUSTRANO I TEMPI E LE TAPPE DELL’AZIONE

UN COLLEGIO DI SCIENZIATI A FIANCO DEI NAUFRAGHI PER LA PERIZIA SULLA SCATOLA NERA

CHIESTA LA SOSPENSIONE DELLA LICENZA A COSTA PER 30 GIORNI PER VERIFICHE SU TUTTE LE NAVI
Il Codacons ha organizzato una conferenza stampa internazionale sul caso della Costa Concordia, alla quale prenderanno parte in diretta da Miami e da San Pietroburgo i naufraghi della nave, i quali racconteranno cosa avvenne esattamente nei minuti in cui migliaia di passeggeri rischiavano la vita.

Verranno illustrati poi i nuovi sviluppi dell’azione di gruppo avviata negli Usa, e l’associazione renderà note altre iniziative legali relative alla tragedia: una denuncia contro gli ufficiali e l’Ad di Costa Crociere, Pierluigi Foschi, in relazione all’abbandono della nave al momento del naufragio da parte dei dipendenti della società; la richiesta di sospensione della licenza alla navigazione nei confronti della Costa Crociere per un periodo di 30 giorni, tempo necessario per effettuare le verifiche sulla sicurezza di tutte le navi della società; una richiesta al Commissario delegato Franco Gabrielli affinché sia lo Stato italiano a rimuovere la nave dall’Isola del Giglio, sostituendosi alla Costa. 

La conferenza stampa si terrà alle ore 15:30 presso la sede Codacons di Viale Mazzini 73 a Roma.

Per info e accrediti: ufficiostampa@codacons.org 

1 Commento

  • Io mi auguro che la querela che Costa presenterà nei confronti del sig. Rienzi possa mettere a tacere definitivamente quest’essere spregevole che sopravvive sulle altrui disgrazie promettendo falsi indenizzi e promuovendo azioni già perse in partenza che graveranno pesantemente sui malcapitati di turno.
    Bisogna smetterla di prendere in giro le persone e di arricchirsi sulle spalle degli altri approffittando della buona fede e dello stato psicologicamente ferito delle persone. Vero sig. Rienzi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.