Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso contro Walter Ricciardi!


Finalmente, è arrivata la sentenza: la V sezione del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso del Codacons contro Walter Ricciardi: l’Autorità Anticorruzione dovrà infatti riaprire il dossier sulle possibili incompatibilità nell’attività del consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.

Breve riassunto della vicenda: avevamo presentato ricorso prima al Tar, poi al Consiglio di Stato, contro la decisione dell’Anac di archiviare un esposto dell’associazione in cui si denunciavano pesanti conflitti di interesse in capo a Walter Ricciardi, promotore del piano nazionale di prevenzione vaccinale per il biennio 2016-2018, che rivestiva il ruolo di presidente Iss pur avendo ricevuto finanziamenti e sponsorizzazioni da aziende farmaceutiche produttrici di vaccini (Glaxo Smith Kline, Pfizer, Sanofi Pasteur Msd e AbbVie Srl). Vicenda che, come noto, a seguito delle denunce sfociate nell’inchiesta giornalistica de Le Iene, portò Ricciardi alle dimissioni. Un’archiviazione che il Consiglio di Stato giudica ora sbagliata, perché basata su una istruttoria carente.

Scrivono i giudici nella sentenza (Presidente Luciano Barra Caracciolo, Relatore Raffaele Prosperi):

Nel merito l’appello deve essere accolto, stante la fondatezza assorbente del primo e del quarto motivo, esaminabili congiuntamente, i quali il primo sostiene che gli uffici dell’Anac debbano prestare particolare attenzione, nell’ambito di propria competenza, ad eventuali indizi di violazioni delle disposizioni di legge in materia di inconferibilità e incompatibilità, procedendo, se del caso, a specifica segnalazione per più approfondite indagini, il quarto sulla stessa linea, secondo cui gli approfondimenti svolti dall’Anac sono consistiti solo ed esclusivamente in una interlocuzione con il RPCT dell’Istituto Superiore di Sanità […]
Ora risulta palese che, pur affermando le proprie prerogative e competenze ad approfondite indagini, l’Autorità si era limitata ad un’interlocuzione con l’Istituto Superiore di Sanità e con il diretto interessato, basandosi principalmente su dichiarazioni del medesimo, oltre che sul curriculum vitae dallo stesso redatto. Dunque non vi è traccia di “approfondite indagini”, cioè di attività istruttorie di tipo acquisitivo sviluppate al di là di una mera interlocuzione con l’interessato, di cui parla la stessa Anac; l’istruttoria appare oggettivamente carente, considerato che essa si è fondata esclusivamente sui dati che l’interessato ha volontariamente reso pubblici senza che si sia posto il problema di un approfondimento che muovesse da tali stessi dati”.

Non solo. Il Consiglio di Stato ricostruisce anche i rapporti economici intercorsi tra Walter Ricciardi e le case farmaceutiche (“Glaxo Smith Kline, Pfizer, Sanofi Pasteur Msd e AbbVie Srl”), nel periodo della sua permanenza all’Iss:

Come si può rilevare i periodi presi in considerazione coincidevano con la preposizione del Ricciardi presso l’Istituto Superiore di Sanità, laddove per le attività svolte presso privati non risultavano specifiche autorizzazioni e l’insieme si poneva in palese contrasto con l’apparato normativo apprestato dall’art. 53 del d. lgs. 30 marzo 2001 n. 165 sulle incompatibilità dei dipendenti pubblici; va aggiunto che l’Istituto Superiore di Sanità doveva varare il piano vaccinale nazionale 2016/2018 e proprio le case farmaceutiche in rapporto con il controinteressato erano notoriamente tra le più interessate ai contenuti del piano”.

Si tratta, come evidente, di una pronuncia importantissima: ora l’Anac dovrà riaprire il dossier sui conflitti di interesse di Walter Ricciardi e, in attesa delle risultanze della nuova istruttoria dell’Autorità, il Ministro della Salute Speranza dovrà rimuovere con effetto immediato Ricciardi da qualsiasi incarico pubblico. In caso contrario saremo costretti a presentare una denuncia per abuso di atti d’ufficio: la nostra sete di verità non è ancora colma, siamo disposti ad andare fino in fondo per garantire trasparenza ai cittadini italiani su un tema così importante per tutti noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.