FREGATURE NEL PIATTO

Dopo il servizio di Striscia la notizia di pochi giorni fa che evidenziava come alcuni ristoranti a Venezia aumentassero i prezzi delle pietanze del 40%, a seconda che i clienti fossero veneziani o turisti, in molti mi hanno chiesto come difendersi da possibili fregature, e mangiare sereni seduti a un tavolo senza incorrere in conti da infarto.
Qualche trucco esiste:

– La prima mossa è quella di andare a colpo sicuro, preferendo magari il ristorante di fiducia o quello consigliato da amici o parenti;

– In ogni caso, prima di entrare in un locale è bene dare un’occhiata al listino prezzi delle varie pietanze, che deve essere esposto in modo visibile in prossimità dell’ingresso del ristorante;

– Una volta dentro, è da folli non leggere il menu e affidarsi ciecamente ai consigli del cameriere! Prima di ordinare è bene controllare attentamente i prezzi di cibi e bevande, così da orientarsi in base a quanto si intende spendere;

Verificate se oltre ai prezzi delle varie portate, vi sono costi aggiuntivi come coperto, iva, servizio, pane, ecc.

Se tali costi vi vengono addebitati ma non sono espressamente indicati nel menu, rifiutate di pagarli;

Mai chiedere antipasti forfettari! Se al tavolo siete ad esempio in 10, e vi affidate al cameriere sulla giusta quantità di antipasti da servire, il rischio concreto è che vi portino 6 antipasti, facendoveli pagare come fossero 8!

Anche sul vino non vi affidate a terzi. Leggete bene il menu e scegliete quello più adatto alle vostre tasche;

La bottiglia dell’acqua deve essere aperta davanti ai vostri occhi. Il rischio è quello che vi venga servita acqua avanzata dagli altri tavoli;

Quando il prezzo della carne è riferita all’etto, specificate bene la quantità desiderata;

Il conto deve specificare le portate servite e il loro costo. Prima di pagare verificate a mente la corrispondenza tra i prezzi indicati nel conto e quelli riportati nel menu, e la presenza di eventuali voci aggiuntive. In caso di errori non esitate a chiedere spiegazioni;

Fatevi sempre rilasciare regolare ricevuta fiscale, e non esitate a denunciare ai vigili urbani e al Codacons eventuali truffe.

16 Commenti

  • Egr. Avvocato,
    mi scusi se uso questo post, ma non sono riuscita a trovare un post per aprire un nuovo argomento.
    …quindi non me ne voglia!!!
    L’argomento che le indico è quello inerente la sospensione delle rate dei mutui fino a 18 mesi che il ministero ha deciso a titolo di sostegno delle famiglie.
    Ritengo e, gradirei ricevere un suo parere che, sinceramente ritengo autorevole, in merito al fatto che vi sia anche una forma di illegittimità costituzionale del decreto poichè limita tale sospensione e, proprio in questo periodo di crisi, ai soli mutui.
    Vorrei ricordare che le famiglie sono indebitate fino al collo anche grazie ai così detti “crediti al consumo” e per i prestiti personali che, spesso, in ogni famiglia sono di un numero superiore a 3.
    Mi permetto di porre la mia esperienza come esempio.
    Per varie vicissitudini familiari, mi ritrovo con 5 finanziamenti da pagare per un totale di quasi € 2000,00 al mese.
    Purtroppo, per gravi problemi di lavoro (svolgo attività autonoma) mi sono trovata a dover cessare l’attività e, non solo, ho anche lo sfratto esecutivo…tanto che l’arredamento lo sto custodendo in un magazzino poichè non mi posso permettere un affitto, questo perchè gli ultimi risparmi che mi rimangono (pochissimi) dovrà destinarli al pagamento delle rate dei finanziamenti, in attesa di trovare un lavoro anche come dipendente…..(ho 42 anni…..ma dove lo trovo?) e vivo con la paura di tralasciare una rata e rischiare di avere una segnalazione nelle banche dati.
    Ho chiesto un finanziamento, ma naturalmente mi è stato rifiutato e non sa quanto sto patendo per poter far aggiornare la posizione in tali banche dati affinchè possa ottenere la cancellazione nei termini previsti dalla legge.
    Certo se potessi avere una sospensione di queste rate…….eviterei la depressione…..sì, esimio avvocato….perchè ci sto rimettendo la salute……Mi dica lei….un prestito personale non è un finanziamento al pari di un mutuo? E’ comunque un indebitamento che la famiglia subisce, non crede?
    Purtroppo tali finanziamenti, pur essendo coperti da assicurazione, non coprono la perdita del lavoro poichè non sono una dipendente …..e questo le sembra giusto?
    La prego di iniziare una battaglia a favore anche di coloro che si sono indebitati anche con i finanziamenti….la costituzione non dice che ai cittadini deve essere garantita dignità, parità di trattamenti, salute ecc…..Mi sembra invece che questo decreto non valuti i parametri effettivi familiari.
    Mi scuso ancora per il mio sfogo e, spero di ricevere presto un suo parere.
    Cordialmente la saluto.
    ….Buone Battaglie

  • Purtroppo nei ristoranti si mangia pesce convinti che è fresco,invece spesso è pesce scongelato.Come il caso del pangasio,che viene allevato in acque non potabili,spacciandolo per pesce nostrano.Per non parlare di agriturismi,che spacciano per loro prodotti,dei prodotti comprati da altre aziende e rivenduti a prezzi esosi.Una vergogna!

  • se per andare a pranzare bisogna mettere in atto tutta la strategia di attenzione su-descritta cari amici mangiatevi un panino e poi godetevela a casa vostra !

  • Ho notato che, in caso di mancata emissione della ricevuta fiscale consiglia di chiamare i vigili urbani e/o il codacons. Non ha dimenticato la Guardia di Finanza ?

    Dal sito http://www.gdf.it:

    “”” Il “117” è un numero gratuito di pubblica utilità, operante 24 ore su 24, realizzato con lo scopo di instaurare un rapporto diretto tra la Guardia di Finanza e i cittadini.
    E’ stato istituito nel 1996, anche al fine di corrispondere alle diversificate istanze di tutela espresse con sempre maggior vigore dalla collettività, nonché all’esigenza di migliorare i rapporti fra contribuente e fisco.
    Con il “117” si entra in contatto con le “sale operative” presenti in tutte le province del territorio nazionale, per chiedere l’intervento di una pattuglia ovvero per ottenere notizie e informazioni sui servizi del Corpo.
    Per le violazioni amministrative, quali il mancato rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale, si potrà procedere alla immediata verbalizzazione dell’illecito soltanto aspettando la pattuglia sul posto. “””””

    Nel ringraziarLa per quanto fa per aiutare noi “poveri” cittadini, cordialmente La saluto,

    Gianni

  • Buonasera DOtt. Rienzi,
    mi rivolgo a lei per sapere come denunciare al Codacons quella che penso sia una truffa di un ristorante, che ci ha presentato un conto assai salato rispetto al servizio e alla qualità del cibo servito.
    Parliamo di € 60.00 a persona per un ristorante che si trova in periferia a Roma,e che ci ha servito un antipasto scarno e diversi tipi di carne dato che eravamo in 16, contorni ,dolci e vino.
    Lei immagini di pagare € 50.00 una bistecca di carne chianina che chianina non era.
    Aspetto informazioni in merito, ovviamente abbiamo conservato la ricevuta fiscale,
    La ringrazio per la sua disponibilità e le porgo cordiali saluti.

    romina

  • Egregio Avvocato, in riferimento alle fregature le chiedo gentilmente chi controlla i prezzi dell’Autogrill o delle altre aree di serviazio. Nel 2003 scrissi una lettera al direttore rispondendomi che i loro prezzi sono allineati a quelli della città, tutto questo non è vero e chi gira lo sa. Stanno restaurando le aree di servizio ma il servizio doccia è carente, comunque la colpa è anche degli utenti che non hanno rispetto sia del prossimo e dei locali usufruiti. Ma nella vita esiste solo la parola Rubare? Ma questo rubare sembra legalizzato perchè nessuno contesta. Distinti saluti Stefano Zanocco.

  • se non sbaglio, il coperto è stato abbolito ma, come al solito in Italia si aggira l’ostacolo, adesso si chiama servizio.
    E’ corretto tutto ciò?
    E’ mai possibile che si va in un ristorante a mangiare e si debba pagare il servizio?
    Si può sporgere denuncia?

    grazie

  • Sono sconcertato dal fatto che al di la di tante belle parole sono di fatto obbligato a mangiare quello che viene propinato dalla grande distribuzione e quindi limoni dal cile, arance dal sud africa …………
    Venerdì ho acquistato dei fagiolini attirato dalla grande scritta “Fagiolini Valtrebbia” ma dentro ci sono fagiolini del Marocco !
    Che vergogna !
    Scusi lo sfogo

  • Buonasera Dott. Rienzi,
    mi rivolgo a lei per sapere come denunciare al Codacons una presumibile truffa da me subita assieme ad altri 3 amici da un ristorante di Fano (e non di Saint Tropez) per un pasto a base di pesce , che ci ha presentato un conto assai salato rispetto al servizio e alla quantità del cibo servito.
    Abbiamo pagato un conto di circa € 80.00 a persona per un ristorante che all’aspetto sembrava una trattoria , che ci ha servito un antipasto freddo misto, un secondo (un pesce di nome SAN PIETRO) diviso in quattro porzioni scarse,1 bottiglia di vino bianco (Greco di tufo) da € 25,00 , 2 contorni e 3 caffè.
    Le preciso che la seconda portata ce l’hanno addebitata a € 200,00 per 4 persone.
    Ci siamo sentiti truffati.
    Naturalmente per quello che può servire abbiamo conservato la ricevuta fiscale.
    In attesa di un suo gentile riscontro , la ringrazio
    cordialmente.

    Marcello

  • .Buongiorno avvocato, in riferimento alle fregature le chiedo gentilmente chi si deve denunciare in anonimo, la frode per la carne chianina in un ristorante.grazie e a chi la presenza delle persone non assicurate che prendono anche dissocupazione

  • Le chiedo se sia possibile pagare 200 euro per una cotoletta e un antipasto di salumi industriali per 4 persone.

  • salve avvocato, sono Nicola Alessandro da roma e nel complimentarmi col Suo magnifico Blog molto istruttivo vorrei chiederLe se l’ obbligatorietà del rilascio della ricevuta fiscale, e non ricevuta semplice” di Buffetti ” , vige in caso di vendita di pacchetto turistico completo (soggiorno e viaggio in aereo ), da parte di Tour operator, indipendentemente dalla richiesta formale del cliente? Soprattutto per quanto riguarda l’ assurda spesa di adeguamento carburante richiestami? Grazie per la Sua attività e di nuovo complimenti.

  • Gentilissimo Avvocato,
    mi scusi se le parlo di un argomento differente da quello emerso sopra, ma questo pensiero mi tormenta da un bel pò e chiedeo di poter ricevere delle informazioni in merito,
    adesso le spiego in linea di massima la situazione,,
    Nel 2001 mi iscrivo presso l istituto cortivo , che opera nel sociale, ai corsi per divenire operatore socio assistenziale, e all epoca mi affermarono che specializzandomi nei 4 settori anziani, disabili,infazia e handicap avrei avutomaggiori prospettive lavorative. Da premettere che all epoca non ero ancora diplomata e cercavo coltivavo il sogno di poterlo fare, proveniendo da un contesto dove l istruzione veniva vista come una perdita di tempo, cosi il responsabile venuto a casa per presentarmi il corso approfittando della mia ingeniutà e del grande desiderio di diplomarmi, mi mostrò la fotocopia del diploma che mi avrebbero rilasciato a fine corso. Ignara della bufala, accettai e con entusiasmo sognavo quanto prima questo fatilico diploma, .
    recandomi per gli esami nella sede più vicina al mio territorio ,,,si creavano tante voci di corridoio le quali da una parte sostenevano che si trattasse solo di un semplice attestato di formazione ,, dall altra di un diploma, qust ultime voci ovviamente provenivano da gente la quale era stata informata dallo stesso informatore scolatico , recatosi a casa mia.
    Ho speso, più di 7 milioni delle vecchie lire, pagandomi tutto da sola con sacrifici da cani, non potevo permettermi di sostenere ulteriori spese per un legale, l attestato rilasciato da questo istituto non ha alcuna validità, e non e servito a nulla nella mia vita, oltre al fatto che in qualsiasi struttura e regione non ne conoscono neanche l esistenza,,,, adesso leggo tanti forum dove molta gente viene truffata dallo stesso istituto, adesso addescano persone, affermando che a fine corso rilasciano un attestato oss. ovvero di operatore socio sanitario,.. la prego mi aiuti a fare chiarezza su questa storia e se potrei anche se a distanza di tempo e prendendo atto di una simile truffa se posso ricare un risarcimento.
    La ringrazio infinitamente cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.