ANCORA SUL NUCLEARE…

Proseguendo sull’argomento “nucleare” non posso non rilevare, da un lato, la assolutà prevalenza dei rischi sui benefici e, dall’altro, che al Nostro Paese il ricorso all’energia nucleare non serve!

Mi sembra, invero, che come al solito siano le potenti lobby del settore a “indirizzare” il Governo e il Parlamento su certe scelte.

Infatti, non solo non cerchiamo di ridurre gli sprechi e puntare su altri tipi di energia ma…

… (purtroppo) nessuno dice la verità riguardo al “bisogno” di acquistare l’energia prodotta dalle centrali nucleari francesi

E qui parlano i numeri!

Ovvero: che proprio gli ultimi dati riguardo la produzione e distribuzione di energia dicono che solo 5 GW su 45 GW (residui) dell’ENEL sono mediamente immessi in rete, cioè l’11,1 %!

E questo vuol dire che non è vero che il fabbisogno italiano deve essere coperto per il 19% dal nucleare francese, ma che si lasciano spente le centrali elettriche italiane per importare l’energia nucleare francese, senza la cui importazione i francesi avrebbero energia invenduta e il loro nucleare non risulterebbe conveniente!

INSOMMA IL NUCLEARE NEANCHE CI SERVE!!!

2 Commenti

  • Esimio Dott. Carlo Rienzi e la 1° volta che mi permetto di scriverle, e sinceramente spero di non farlo spesso ( significherebbe dire che tutto va bene ma in realtà sappiamo benissimo che non e così… ).
    Premetto che sono un normale cittadino Italiano di 46 anni, e parafrasando una celebre frase “nel mezzo del cammin di nostra vita… ” ritengo di poter ragionare su alcune “pressioni” dei media riguardo il nucleare in maniera mediamente matura. Premetto che ero favorevole al tempo del referendum e confermo ancora oggi la mia convinzione, per il semplice fatto che il genere umano non possiede una energia alternativa al nucleare, và bene l’energia fotovoltaica, và bene quella Eolica, và bene quella geotermica e altre minori che vanno RAFFORZATE ma rimangono pur sempre integrative e la fame di energia sarà sempre più alta e l’offerta sempre più bassa, e ci sono dati inconfutabili che indicano tutto ciò. Con questo breve quadro “idilliaco” e inutile che si pubblicizza in tv di spegnere le lampadine, si qualcosa servirà ma e ben poca cosa… rispetto al problema di fondo. Ed e oltretutto da “terrorismo mediatico” con messaggi subliminali, spinti dagli ultimi eventi INCIDENZIALI accaduti in Giappone dire che il nucleare e pericoloso. Io non sono un fisico nucleare ma se andiamo a sindacare non e stato il terremoto ad mettere a ko la centrale di Fukushima ma lo tsunami (evento ultraeccezzionale) In Italia fortunatamente non abbiamo simili eventi ultraeccezzionali… ( abbiamo però i politici ultraeccezzionali che decidono per noi, contro di noi, il perchè e noto…..e non voglio proseguire oltre ) ma però ci possiamo permettere di fare a meno delle centrali nucleari, tanto poi siamo una Nazione ricca e sappiamo arrangiarci….. in realtà si e visto che non e così, abbiamo evitato il “rischio” di avere pericolose centrali nucleari nel nostro territorio, ma le altre Nazioni Europee molto vicine a noi le hanno e ci “rivendono” a caro prezzo la loro energia, condividendo il rischio con noi Italiani…….
    Diciamo che forse al nostro governo ( destra,sinistra,e centro!! ) ha sempre convenuto farci andare a carburanti fossili e farceli pagare cari proprio perchè semplicemente più gestibile dal punto di vista di ” mero occulto latrocinio sistematico ” ai danni del cittadino Italiano ? e allora diciamolo, non ci nascondiamo dietro un palo della luce….Il mio motto e “O TUTTI O NESSUNO” e quindi siccome quasi tutte le Nazioni del mondo possiedono centrali nucleari, le dobbiamo costruire anche noi, portando avanti nel contempo anche le energie integrative, in primis quella solare.

  • Dottore salve, in primo luogo, le faccio i miei migliori auguri di una buona pasqua.
    Volevo giusto lasciarle un commento a riguardo del nucleare, …… visto anche le ultime dichiarazioni del governo, di abbandonare la strada del nucleare, …… molto probabilmente quello che è accaduto in Giappone ha insegnato qualcosa.

    Ma non è per questo che le scrivo, ……. premetto che da anni mi interesso di risparmio energetico, fonti rinnovabili e ambiente.

    Sono napoletano, ……. vivo in città, …. e sono fortunato di essere nato in questa amena città, ….. ricca di arte e di bellezze naturali, …….. ma tanta tanta offesa, ……. sono convinto che il napoletano sia una bella persona e che in fondo non meriti questo trattamento.

    Da anni mi chiedo, …… se può il cittadino napoletano, che si sente in qualche modo offeso, …….. dall’immagine negativa che si porta addosso o perché diligentemente effettua la raccolta differenziata e poi si ritrova con tonnellate di immondizia, ……. unirsi e chiedere un risarcimento, alle istituzioni e se vogliamo anche alla camorra.

    Il termine camorrista è nel mio vocabolario da sempre, …… mentre il termine terrorista ho incominciato a sentirlo quando avevo circa 15 anni, …… conosco bene le difficoltà e la violenza che ha subito questa splendida città e quindi penso anche la parte buona dei napoletani, …… mi rendo conto che è inammissibile averla ridotta così, senza mai reagire, ……. in senso pacifico, ….. diciamo con azioni di terrorismo economico.

    Le assicuro, ….. che di piccole battaglie ne ho vissute, …… ma credo che il riscatto, oggi è doveroso e il napoletano deve reagire, ma occorrerebbe uno stimolo, un volano, sono convinto che quello che funziona sempre, è, l’economico, cioè poter credere ad un risarcimento da parte delle istituzioni e visti i tanti sequestri di beni dei camorristi, anche da loro.

    Ci sarebbe tanto da aggiungere, ……. ma sarà per una prossima volta.

    Saluti e auguri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.