BASTA PALIO!

Italian Carabinieri police falls down from his horse during their parade prior the Palio of Siena horse race, Italy, July 2, 2018.  REUTERS/Stefano Rellandini     TPX IMAGES OF THE DAY

Doveva essere una festa, visti anche i 100 anni dalla fine della Grande Guerra. E invece, tutto il contrario, con la morte di Raol, il cavallo della Giraffa, abbattuto a seguito delle ferite: ancora una volta il Palio di Siena si è macchiato di sangue, tanto che dal 2000 sono finora otto i cavalli morti.

Quanto accaduto ci ha spinto a segnalare il tutto alla Procura della Repubblica di Siena, cui abbiamo chiesto di aprire una indagine sull’accaduto. Non è la prima volta: già in passato ci siamo rivolti alla magistratura per denunciare l’abbattimento di cavalli a seguito del Palio di Siena, una manifestazione che rappresenta un indubbio pericolo per l’incolumità degli animali e che ormai (dispiace dirlo) appare obsoleta e immotivatamente cruenta.
Nello specifico abbiamo chiesto alla Procura “di utilizzare ogni strumento investigativo consentito dalla legge e dal rito allo scopo e di predisporre tutti i controlli necessari per accertare e verificare se nei fatti esposti possano celarsi a carico del Comune di Siena, degli Organizzatori della Manifestazione, nonché di tutte le Amministrazioni e/o Società interessate e/o contrade interessate e a carico di soggetti, privati e/o istituzionali, addetti ad attività di controllo e di sicurezza e di quanti risulteranno responsabili tutte le fattispecie criminose che verranno individuate dalla S.V. oltre alla valutazione seria della possibilità di imporre il divieto a questa e altre manifestazioni analoghe che possono provocare danni e lesioni agli animali.”

Per la cronaca, è stata la contrada della Tartuca a trionfare sul tufo di Piazza del Campo grazie a una corsa avvincente del suo cavallo Remore. Ma a noi questo non interessa più: uno spettacolo di crudeltà sugli animali, al solo scopo di far divertire gli esseri umani, non ci interessa granché.

CR

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *